Archivio

Archivio Agosto 2016

L’esperienza del terremoto…sempre devastante per chi la vive

24 Agosto 2016 108 commenti

Alle 3,40 di stanotte ero sveglia e col telefonino sul comodino, facile, quindi, guardare l’ora. Ma Google mi diede subito l’immagine di una grossa frana avvenuta pochi minuti prima su un monte, il Gran Sasso, leggo e la notizia è di un grande boato attorno alla montagna e lo stesso monte quasi spaccato in due. L’immagine è quella di un monte invernale, già imbiancato, ma veramente ridotto male. Penso alla solita valanga in montagna, e rifletto che in estate è più facile che ciò avvenga, e un pezzo di montagna frana giù. Questa riflessione mi tranquillizza, e mi rimetto a dormire. E’ solo alle prime luci dell’alba che vedo tutto acceso a casa mia, televisori accesi e annunciatori con l’aria di edizioni straordinarie, e capisco che qualcosa di grave è avvenuto tanto da fare iniziare la giornata così presto a mio marito che, di sicuro, non si alza mai all’alba, né con le galline. Solo che, per noi, la notizia di un terremoto che avviene in una qualsiasi parte del mondo, ha un effetto devastante, ci riporta indietro nel tempo e in situazioni simili alle immagini che scorrono sui teleschermi, ci ritornano in mente ricordi che non siamo stati mai capaci, né lo saremo mai, di rimuovere, di annullare, di cancellare come pensieri sgraditi, ci dà la consapevolezza di saperci ancora immedesimare in chi sta soffrendo la perdita di tutto, come è successo a noi, ma anche la capacità di ringraziare Dio di averci conservato la vita. E’ in occasione di ogni evento del genere che riscopro il coraggio che ci ha accompagnato sempre, me e mio marito, di sapere riprendere il cammino delle nostre vite là dove era inciampato, dove aveva conosciuto un po’ del male del mondo, ma aveva ripreso con la stessa caparbietà e forza per provare a risalire la china. Abbiamo costruito la nostra vita fidando solo su noi stessi, avevamo perso tutto, ma Dio ci aveva riservato di vivere perché potessimo essere ancora strumento per darla la vita, e noi abbiamo accettato questo suo compito con l’entusiasmo dei nostri giovani anni, con la forza di chi crede che sei solo tu l’artefice del tuo domani, tuo e di coloro che hai voluto accanto a te. E sempre con questo spirito abbiamo affrontato nuove esperienze, con la certezza che, se in te ritrovi il coraggio e la speranza per il futuro, tutto è possibile, come è stato possibile ricostruire le nostre vite dopo quel lontano terremoto.

Categorie:Senza categoria Tag: